Cerca

"Tutto è collegato, tutto ha un significato"

Categoria

Grafiche

che

05-che
“che” (2016)

“Stanno crescendomi i capelli anche se poco folti e la canizie imbiondisce e comincia a scomparire; la barba torna a crescere. Fra un paio di mesi sarò di nuovo me stesso.”
[Che Guevara, Diario in Bolivia, 12 novembre 1966]

Licenza Creative Commons L’immagine della grafica “che” (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Viva Verdi

viva-verdi-firma
“Viva Verdi” (2016)

L’opera è una metafora della condizione attuale Italiana, assoggettata all’Euro che ha “dimenticato” la storia (rappresentata dalle Lire) e coloro che la storia l’hanno fatta, (rappresentata dalla sagoma di Giuseppe Verdi), che di fatto non c’è. Il significato dell’opera riassume concettualmente la perdita dei valori patriottici e dell’identità del popolo italiano ormai uniformato al modello europeo.
Il movimento per l’Unità d’Italia, a cui Verdi prese parte attiva ed il cui scopo era quello di uniformare una Nazione, viene dimenticato dalla globalizzazione dei nostri tempi che “spersonalizza” l’individuo quale tale, spingendolo verso un’eccessiva uniformità che diviene perdita d’identità.
Dato dal significato dall’acronimo utilizzato durante il periodo risorgimentale (Viva Vittorio Emanuele Re D’Italia), il titolo dell’opera cela la volontà italiana d’unirsi (o di ritrovarsi – nostalgici delle Lire) e, contemporaneamente, diventa un omaggio al compositore.
[Denis]

Opera esposta a:
“Verdi OFF” – Teatro Regio di Parma (Parma 2016)

Licenza Creative Commons L’immagine grafica dell’opera “Viva Verdi” (Firenze 2016) ed il relativo testo di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Blog su WordPress.com.

Su ↑