Cerca

"Tutto è collegato, tutto ha un significato"

Categoria

Arte Concettuale

Pittura di testa

Buongiorno 5 Reverse

2017-04-0113
“Buongiorno 5 Reverse” (2017)

flag UKAmong the “Buongiorno” (Googmorning) works, this is the only one that represents the moka-pot with its handle on the left side. The background is made of coffee-pods packages (for a total of 378 coffees drunk). My art-making uses my body, and my body becomes evidence of my messages.
You might be interested in the description of “Buongiorno

Flag_of_Italy.svgTra tutti i “Buongiorno” questo è l’unico che presenta la caffettiera con il manico a sinistra e la base è realizzata con la confezione contenenti le cialde di caffè (per un totale di 378 caffè bevuti). Il mio fare arte, passa anche attraverso il mio corpo. Il mio corpo diventa la testimonianza del messaggio che invio.
Può interessarti la descrizione di Buongiorno.

Opera esposta alla mostra:
“51° Festa di primavera” – Lastra a Signa (2017)

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo (testi e foto) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Annunci

51° Festa di primavera

76

Vedi l’opera esposta:
“Buongiorno 5 Reverse”

Art Factory – Esposizione permanente 2017

Opere presenti in Galleria.

Vedi le opere esposte:
“Buongiorno 4”
“Natura morta 2”
“Natura morta 4 – Tre bottiglie”
“Natura morta mini – Pera”
“Dente d’oro”
“Buongiorno mini 2”
“Verginità al palo”

Natura morta mini – Pera

IMG_1754
“Natura morta mini – Pera” (2016)

Le nature morte mini nascono successivamente dalle “Nature morte” più grandi, realizzate tutte con lo stesso prodotto commerciale a base di tisana ai frutti misti. Il primo frutto a comparire è stata la “pera”, riprodotta in sette pezzi (mini) in diversi colori e posizioni (vedi la numero 6).

2017-03-0034
“Natura morta mini 6 – Pera”

Il primo esemplare nacque nel 2016, una pera dallo sfondo nero realizzata su tela; le successive sono, invece, realizzate tutte su di un supporto in MDF.
La rappresentazione del singolo frutto è la massima rappresentazione dell’assenza di prospettiva e d’illuminazione, fattori importantissimi nelle classiche raffigurazioni di nature morte. In questo senso, questi piccoli quadri (come anche i “mini” che rappresentano caffettiere, bottiglie, ananas, ecc.) sono da considerarsi piccole gemme preziose dal valore rappresentativo maggiore rispetto ad una “Natura morta” dove qui, invece, vince la ricerca dell’illusione prospettica.

Le nature morte hanno rappresentato per me, un importante terreno di lavoro. La prima “Natura morta” risale al 2015 e successivamente ne ho create di varie dimensioni e con soggetti diversi. Gli sviluppi più significativi sono emersi con “Natura morta 3 – 3 Pere” dove gioco con la prospettiva e l’illusione.

Grazie per avermi letto, spero col tempo di aggiungere altre informazioni a questo articolo per renderlo più completo. Denis

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo (testi e foto) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Senza Palma mini

2016-12-0086
Senza Palma mini” (2016)

Ti può interessare la descrizione di: “Con Palma” e “Senza Palma

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Senza Palma mini”, 18x24cm, collage e smalto acrilico su MDF (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Natura morta 3, 4 e 5

Queste nature morte mini sono una sorta di trittico, ed utilizzano la solita confezione (Melanzane, peperoni e zucchine grigliate e surgelate) di un noto marchio.
Questa idea nasce dalle parole di uno chef il quale promuove l’uso di verdure fresche anziché quelle surgelate, sottolineando il fatto che le prime non sono solo più nutrienti ma che si possono cucinare con pochi minuti in più.
L’uomo moderno non ha più il tempo per godersi la vita. Il cucinare sembra essere stato declassato come “cosa di poca importanza” e quindi suscettibile di trovare quelle “soluzioni” che permettono di restringere (o eliminare!) il tempo da dedicargli. Meno tempo = meno gusto? A voi l’interpretazione.

Tutte e tre le opere hanno le stesse dimensioni e tecnica: tecnica mista su MDF, 18×24 cm. Ti può interessare la descrizione di: “Natura morta”

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo (testi e foto) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Buongiorno mini

img_1753
“Buongiorno mini” collage e acrilico su tela (2016)

Ti può interessare la descrizione di: “Buongiorno”

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Buongiorno mini” (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Senza Palma (omaggio a Mario Schifano)

2016-12-0083
“Senza Palma” (omaggio a Mario Schifano) – 2016

Opera realizzata con gli stessi biscotti a marchio “Coop” di “Con Palma” ma con la nuova veste grafica “senza olio di palma”. Adesso quest’olio non è più un “problema”; la palma non c’è più.

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Senza Palma”, 55x80cm, collage e acrilico su MDF (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con Palma (omaggio a Mario Schifano)

2016-12-0082
“Con Palma” (omaggio a Mario Schifano) – 2016

Realizzato con le confezioni dei biscotti a marchio “Coop” quando ancora l’olio di Palma non era “un problema”.

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Con Palma”, 55x80cm, collage e acrilico su MDF (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Viva Verdi

viva-verdi-firma
“Viva Verdi” (2016)

L’opera è una metafora della condizione attuale Italiana, assoggettata all’Euro che ha “dimenticato” la storia (rappresentata dalle Lire) e coloro che la storia l’hanno fatta, (rappresentata dalla sagoma di Giuseppe Verdi), che di fatto non c’è. Il significato dell’opera riassume concettualmente la perdita dei valori patriottici e dell’identità del popolo italiano ormai uniformato al modello europeo.
Il movimento per l’Unità d’Italia, a cui Verdi prese parte attiva ed il cui scopo era quello di uniformare una Nazione, viene dimenticato dalla globalizzazione dei nostri tempi che “spersonalizza” l’individuo quale tale, spingendolo verso un’eccessiva uniformità che diviene perdita d’identità.
Dato dal significato dall’acronimo utilizzato durante il periodo risorgimentale (Viva Vittorio Emanuele Re D’Italia), il titolo dell’opera cela la volontà italiana d’unirsi (o di ritrovarsi – nostalgici delle Lire) e, contemporaneamente, diventa un omaggio al compositore.
[Denis]

Opera esposta a:
“Verdi OFF” – Teatro Regio di Parma (Parma 2016)

Licenza Creative Commons L’immagine grafica dell’opera “Viva Verdi” (Firenze 2016) ed il relativo testo di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Natura Morta 2

2016-09-0129
“Natura Morta 2” (2016)

Opera esposta a:
“Art Factory Natale 2016” – Galleria Art Factory (Pontedera 2016)

Ti può interessare la descrizione di: Natura Morta

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Natura Morta 2” 50x70cm (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Infarto d’Amore (mini)

“Gli infartini”. Così vengono chiamati istintivamente dalle persone che per la prima volta si trovano davanti agli occhi queste opere. Ed è molto simpatico questo titolo!
I piccoli “Infarto d’Amore” constano di 6 pacchetti di sigarette e derivano dal fratello maggiore Infarto d’Amore (Winston blu) di 70 pacchetti, il primo realizzato. Per i primi due anni, gli infartini, come i quadri più grandi, vengono realizzati dipingendo l’interno della sagoma. Successivamente, viene fatto esattamente l’inverso e il cuore spezzato rappresentato viene ad essere riempito dallo sfondo dei pacchetti di sigarette, creando così un legame ancora più profondo e per certi versi più “valido”, tra l’amare e il fumare.
La prima piccola opera realizzata (con la tecnica a olio) è ormai lontana. Quelle successive sono realizzate con l’acrilico e le più recenti con lo smalto acrilico. Anche i pacchetti di sigarette hanno una loro particolarità. Infatti, molti di questi, non sono più reperibili sul mercato perché la loro veste grafica è cambiata.
Queste opere sono state realizzate anche a livello grafico e stampate su tela con i più svariati tipi di pacchetti e colori rendendo “Infarto d’Amore” il soggetto più rappresentato dal mio percorso artistico.
Qua troverete solo alcune foto di queste opere. Ad oggi sono stati realizzati più di 100 pezzi con diversi colori e marche di sigarette.

IMG_1915
“Infarto d’Amore” mini (Winston blu – celeste) (2015)
IMG_1916
“Infarto d’Amore Alchemico” mini (Winston blu – nero, rosso e oro) (2015)
IMG_1920
“Infarto d’Amore” mini (Marlboro Gold – rosso) (2016). Il primo quadro dove la parte dipinta e quella non, viene invertita.
IMG_1922
“Infarto d’Amore” mini (Winston blu – argento) (2016)

Nell’agosto del 2016 presentai in mostra per la prima volta, le prime opere grafiche realizzate al computer, tra cui anche un “Infarto d’Amore” che si aggiudicò il 3° posto nella sezione “grafica creativa”.

2016-07-0027
“Infarto d’Amore” ha ricevuto un riconoscimento artistico anche nella grafica al computer.

Alcuni “Infarti d’Amore” sono stati esposti alle mostre:
“Destinazione Colore” – Villa Vogel (Firenze 2015)
“80° Mostra Internazionale dell’Artigianato” – Fortezza da Basso (Firenze 2016)
“3° Premio Stellina” – Villa Borbone (Viareggio 2016)

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo (testo e foto) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Noi siamo qui!

2016-05-0001_2
“Noi siamo qui!” (2016)

“La configurazione degli elementi dell’opera d’arte rispetto al suo insieme obbedisce a leggi immanenti, esteriormente imparentate con quella della società… così il rapporto determinante di produzione, la forma della merce, penetra nelle opere d’arte quanto la forza produttiva sociale e quanto l’antagonismo tra i due… Che le opere d’arte, come un tempo le brocche e le statuette, vengono messe in vendita al mercato, non è un abusare di esse, bensì la semplice conseguenza della loro partecipazione”
[Th. Adorno, Ästhetische Theorie, Frankfurt/M. 1970, pag.351]

“Certo che qui non ci trova nessuno!”
“Dovrebbero mettere una freccia per indicare che siamo qui”
“Questo verde dei pannelli non si può guardare!”
“Ma che hai venduto te?”

“Ma tu Denis che ne pensi?”
“Io!? Trasformo le polemiche in arte”

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo (foto e testi) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Infarto d’Amore 2

2015-11-0201_3
“Infarto d’Amore 2” (Firenze 2015)

Ti può interessare la descrizione di: “Infarto d’Amore”

Opera esposta a:
“AVANGART” – 1° rassegna d’arte d’avanguardia e arti innovative – Gadarte (Firenze 2016)

Licenza Creative Commons L'immagine del dipinto "Infarto d'Amore 2" 56x62cm, tecnica mista su tela (Firenze 2015) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

AVANGART

1° rassegna d’arte d’avanguardia

e arti innovative

Gadarte 11 – 23 giugno 2016

Avangart
La locandina della mostra

Le foto della mostra

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il video dell’intervento della Storica dell’Arte Daniela Pronestì il giorno dell’inaugurazione.

Il video delle opere esposte:
Michele Berlot, Giulio Della Santa, Denis, Marcello Franceschini, Carlotta Grassolini e Renzo Sbolci

 

Licenza Creative Commons Tutti i contenuti presenti in questo articolo di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Buongiorno 4

IMG_1677
“Buongiorno 4” 77x88cm (Firenze 2016)

Opera esposta a:
“80° Mostra Internazionale dell’Artigianato” – Fortezza da Basso (Firenze 2016)
“AVANGART” 1° rassegna d’arte d’avanguardia e arti innovative – Gadarte (Firenze 2016)
“Art Factory Natale 2016” – Galleria Art Factory (Pontedera 2016)

Ti può interessare la descrizione di: “Buongiorno”

Licenza Creative Commons L’immagine del dipinto “Buongiorno 4” 77x88cm (Firenze 2016) di Denis (Archetypal Art) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Blog su WordPress.com.

Su ↑